02 Febbraio 2021  15:01

Google dice addio a Stadia

Matteo Bonassi
Google dice addio a Stadia

Il colosso del Web non svilupperà più videogiochi, troppo costoso. La piattaforma in streaming rimarrà attiva per terze parti

Google ha ufficialmente chiuso i propri studi di sviluppo dedicati al gaming, cancellando di fatto tutti i titoli che sarebbero dovuti approdare sulla propria piattaforma in cloud Stadia, lanciata nel 2019. L'investimento è stato ritenuto troppo oneroso e alla fine si è deciso di uscire dal business e lasciare il supporto della propria infrastruttura alle terze parti. Stadia, che aveva già sollevato diverse perplessità dagli addetti ai lavori, si conferma un progetto farraginoso che stenta a decollare. In seguito al cambio strategia, che di fatto vede il colosso del Web abbandonare in toto l'industria videoludica, Jade Raymond, secondo quanto riportato da GamesIndustry, lascerà l'azienda per perseguire nuove opportunità professionali (un possibile ritorno in Ubisoft per i nuovi progetti a marchio Star Wars?), mentre Phil Harrison rimarrà come riferimento per coordinare le terze parti.

Contenuti correlati : raymond harrison stadia google gaming cloud streaming software hardware
Iscriviti alla nostra newsletter

ACCADDE OGGI

  • 25 Ottobre 2005
    SCE Inc: 10 milioni di PSP nel mondo
    Sony PSP, la console portatile lanciata il 12 dicembre 2004 in Giappone (il 24 marzo 2005 in USA e l’1 settembre 2005 in Europa) ha raggiunto i 10...

Ricevi la Newsletter!

Consumer Electronics

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy